ÉCRITURE Davide Monopoli

Davide Monopoli ha scritto nove libri di poesia e qualche testo filosofico; alcune raccolte poetiche sono state pubblicate in edizioni particolari circolate a tiratura limitata: collages (1996-2001, collezione privata); attraverso, attraversa (1999-2004, libro-snodo realizzato in 12 esemplari rilegati a mano da Mathias Kaltenbach); per altri versi e nota (sulla poesia) in antologia della durata (alla chiara fonte 2003); a titolo provvisorio (alla chiara fonte 2004); minimalia (parzialmente inedito, 2004); archiviando aprile (libro in busta, edizione numerata illimitata, 2006). Le prime plaquettes sono state riprese, per accenni, nella silloge in parole polvere (LietoColle 2007). Ha tradotto e curato un’edizione rara di Ghérasim Luca, prendre corps/ prender corpo (per gentile concessione delle Editions José Corti di Parigi, tiratura limitata con CD realizzata da Miki Tallone, 2006) e impresso, in collaborazione con lo studio di architettura Meyer e Piattini, to mega poiema (architexture, via al Chioso 10 Lugano, 2009). Parallelamente alla stesura di À propos de Nietzsche. Un philosophe du côté de la vie (Université de Genève, 2005), ha inaugurato una nuova fase di scrittura poetica: v( )ce del verso (77 copie numerate e 8 nominali fuori commercio, stampate su carta Munken con carattere Nippo-Garamond, sobriamente concepite da Alfio Mazzei, una tantum 2011), ciclo ripreso, insieme a segno del soffio ed ex vacuo, in pluralia (Manni 2017). Ha inoltre pubblicato il compendio illustrato di filosofia Prolegomena. Invitation figurée au discours philosophique e il manifesto De la filmosophie. Un octalogue (½), entrambi in Ecrits philosophiques Vol. I (ebook, Kindle 2016); nonché il pamphlet Dell’eterosofia. Per un’etica della gioia in tempi apocalittici e cannibalici (Pungitopo 2016).